Vai al contenuto

maxxx

Moderators
  • Conteggio contenuto

    16388
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    5

maxxx ha vinto l'ultimo giorno in 1 Giugno

maxxx ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

26 Excellent

Che riguarda maxxx

  • Rango
    ɹoʇɐɹǝpoɯ s,ıʇɐuıɯlnɟ
  • Compleanno 06/01/1968

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Devi controllare la continuità elettrica dei cavi, specialmente quella del cavo verde...
  2. Esatto! Minimo sforzo, massima resa... basta sostituire il getto del max.
  3. Ho una Sprint Veloce con su un DR 177: semplice sostituzione del gruppo termico.
  4. Sostituisci il getto del max e fa sapere come va...
  5. Se monti una semi espansione, bastano un paio di punti in più sul getto del max (rispetto a quello del 150, quindi un 105). Lascia stare il 24, senza lavori all'immissione della valvola rotante crea solo problemi.
  6. Il carburatore è lo stesso per tutte e due le cilindrate, cambiano i getti e la ghigliottina...
  7. Per un 125 il max dovrebbe essere un 100, o 102, se non ricordo male... e l'emulsionatore un BE5. Qua ci sono le tabelle comparative... Se è un 125... (ma potrebbe tranquillamente non esserlo), un 122, oltre a murarti di brutto, ti fa buttare un bel po' di miscela per nulla, imbrattando GT, scarico, ecc.
  8. ... anche sul tasso alcolemico? 😉
  9. Dipende dalla guida usata e dal tasso alcolemico del momento, come con qualsiasi mezzo a motore termico. Se corri, visto e accertato che la vespa non frena un tubo, usi tutto il possibile per fermarti: sposti il peso indietro per non perdere aderenza sul posteriore, pinzi davanti e dietro quanto possibile mentre scali le marce per "sfruttare" il poco freno motore dato dal 2T... marce scalate previo colpo di acceleratore per compensare i giri motore ("premmmmmmmmm..." (cominci a frenare), "prem!" (scali), "prem!" (scali), ecc...). In discesa usi la stessa marcia che useresti in salita, dando qualche "pestata" ogni tanto per non far andare fuori giri il motore... diciamo una decelerazione a dente di sega: in questo modo salvaguardi il GT e non surriscaldi tamburi e ferodi (che poi quando arrivi al primo tornante ti fai un bellissimo dritto inconsapevole). Occhio che se freni troppo con l'anteriore e non compensi adeguatamente l'alleggerimento al posteriore, corri il rischio di lasciare una bella strisciata sull'asfalto per nulla utile al rallentamento del mezzo, e pure di intraversare di brutto la vespa con tutte le conseguenze del caso (di prassi se ne va per i fatti suoi verso destra, senza neanche dirti ciao). La vespa concettualmente non è diversa da un qualunque altro motociclo: ha dei limiti prestazionali evidenti e ben conosciuti... Se invece vai piano, puoi mollare l'acceleratore con anticipo, frenare dolcemente, cambiare le marce a bassi giri motore e arrivare allo stop in folle... se non ti devi fermare, metti la seconda e vai. Non solleciti il GT, preservi i ferodi e consumi meno miscela (che i "prem!" - "prem!" continui ti riducono l'autonomia di un bel po', anche se potrebbe non sembrare). Insomma, niente di che... il problema, come sempre è solo l'imprevisto. Meglio essere sempre preparati alle evenienze del momento. Quindi provare il limite del mezzo che guidi ti può aiutare sicuramente nelle emergenze... Ah... mi stavo quasi dimenticando: tutto questa pappardella vale solo se hai il mezzo in ordine, freni efficienti, pneumatici con adeguato battistrada e alla giusta pressione, con asfalto asciutto. Se piove meglio comunque andar pianino, o eventualmente prendere un altro mezzo! 😉
  10. Se sei sicuro che non prende aria da qualche parte, mi sa di sì... Ti sposto in Elaborazioni, che qualcuno più ferrato ti potrà rispondere in modo più articolato.
  11. Tanto, che cosa cambierebbe? Sarebbe stato lungimirante aprirlo durante il confinamento, magari... Ma lungimirante e cele è l'ossimoro per eccellenza.
  12. Allora... le pause frequenti servono solo per bere vino, così poi ti sembra che la vespa vada più forte del solito. La candela è troppo fredda: metti al massimo una grado 7. La miscela falla al 2%, con un semi-sintetico. Se la ciospa è in ordine, non sono 1.000 metri di dislivello a fare la differenza. Piuttosto controlla che i freni siano efficienti, ed evita di bere quando sei in discesa, che la vespa in questo caso va veramente più forte, e non frena un cazzo... 😉
  13. maxxx

    Strumento benzina

    Quasi sicuramente galleggiante. Lo smonti e controlli se si muove correttamente. Pulisci il reostato. Una piccola revisione, insomma...
×
×
  • Crea nuovo...