Vai al contenuto

clark78

Members
  • Numero messaggi

    21
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Days Won

    1

clark78 last won the day on February 15

clark78 had the most liked content!

Reputazione comunità

12 Good

Che riguarda clark78

  • Rango
    Junior Member
  • Compleanno 25/02/1978
  1. I trafilaggi possono esser molto insidiosi. Anche sulla mia ho superato il 128. Verifica per quanto ti sia possibile, che il getto sia effettivamente della misura indicata. Non dico che possa esser tarocco, ma non è scontato che usi la stessa scala di quello originale.
  2. Magari sostituendo lo scarico con uno non catalitico, od eliminando l'elemento catalizzatore dal suo.
  3. Se non vuoi aprire può esser un modo. Copri con un panno,un telo, biella ed ingresso carter. La volta che ho provato ho coperto anche la parte da lavorare con un ulteriore stralcio di telo, ben saldo alla base del travaso, a mo' di tenda, per far cadere i trucioli verso l'esterno. Non farti prendere troppo la mano, e lascia abbastanza materiale per evitare di sfondare. La coppia di serraggio viene in genere indicata dal costruttore del componente. Dedica, a rodaggio avvenuto, buona attenzione al miglioramento della testa, e alla carburazione, e considera la sostituzione dello scarico con uno più aperto ( Polini original, Dornax, mega, SIP,...), Un cestello rinforzato per la campana ( con i giri che farà, è un niente e si aprirà come un bocciolo), od un kit revisione drt con disco di chiusura flangiato, e l'utilizzo di un pignone da 22.
  4. [emoji106] Resta comunque il buon vecchio Polini! Con un falso montaggio dai un'occhiata ai travasi, e vedi se val la pena limar qualcosa dal cilindro ( anche per riprendere eventuali bave ed imperfezioni di fusione ), verifica al PMI che il pistone scopra interamente tutte le luci del cilindro, misura lo squish, ed una lucidata a testa e scarico non fa male: insomma le solite cosucce... Importante: non esagerare col serraggio del cilindro, segui la giusta coppia anche se è un cilindro in ghisa.
  5. Sul Polini trovi in genere maggior letteratura, ma credo legata a tanti che fanno il tuo, più che corretto, ragionamento. La nuova versione del Malossi è più "piena sotto" rispetto alle precedenti. Ovviamente, reagisce tanto meglio quanto meglio è alimentato. Del nuovo malossi mi piaciono ( rispetto al Polini ghisa) la testa più moderna, e la conformazione di travasi e pistone. Mi ripeto, ma è solo la mia idea, punterei comunque sul vmc 177, ora sui 250€.
  6. Perdonami il passo indietro, per la tua configurazione attuale: la testa 125 ha un volume più ristretto ( è " più scavata " ) della 150, controlla il rdc, anche se i cilindri standard sono molto conservativi. Inoltre con i rapporti attuali, se hai lasciati quelli di serie della 125, saranno mediamente corti montando un cilindro più performante.
  7. Rispetto al Polini da scatola, il Malossi mk3 ghisa ha dalla sua un pistone e testa meglio realizzati. Il vmc è in più in alluminio, con ovvi vantaggi per il raffreddamento, come già accennato da Tourz_new , ed una testa ulterioremente rivista. Questi i punti salienti. Ovvio che ognuno di questi candidati esprime il meglio, e quindi accentua le differenze, con tutti i lavori del caso ( travasi, valvola, carburatore, e mai ultimo lo scarico )
  8. Volendo restar sotto i 200, ed col p&p considera anche un Malossi 166 mk III.
  9. Tra i 180 del Polini ed i 250 del vmc, penso che non sia abissale vista la connotazione e maggior "modernità" del secondo. Ovvio che se ti sei proposto un budget definito il mio suggerimento è vacuo.
  10. Faccio l'avvocato del diavolo, a poca distanza si trovano kit alluminio che comunque rendono bene anche p&p, tipo il nuovo vmc, o il bgm.
  11. Lo si monta al posto dell'ultimo disco del pacco frizione. Esso stesso funge anche da anello di rinforzo. Per evitare sbattimenti con i vari dischi, è disponibile anche l'intero kit di revisione per la frizione.
  12. A cuor leggero, ghisa per ghisa, ti consiglio il dr, del pinasco ghisa molti han lamentato scaldate/grippaggi dovuti a poco giogo pistone-cilindro. Inoltre tra i due non c'è differenza apprezzabile sul piano performances. Altra storia per il "vecchio" pinasco alu. Se vuoi qualcosa in più con la ghisa ( concedendolo anche al prezzo ) considera il classico Polini ed il nuovo Malossi.
  13. L'anello di rinforzo va saldato con precisione, ed è buona cosa controllare la nuova bilanciatura del gruppo frizione. Un alternativa più semplice è quella di utilizzare un disco di chiusura della drt che include un anello perimetrale alla campana. La stessa produce anche l'intero kit di revisione senza impazzire. Una 8 molle, per quanto buona ti costringe ad utilizzare un pignone dedicato, mediamente più costoso del relativo "6 molle".
  14. Mi dispiace, non ho esperienza con questo scarico: non ho mai amato le " finte" espansioni, e soprattutto su motori "tranquilli". E non penso si sposi bene con un rapporto "lunghetto" come il 22, sebbene la 4 corta del 125 ti aiuta molto. Non fraintendermi, non sono ironico. Prova questa configurazione come step1, e da lì vedi cosa migliorare o aumentare o ridurre. Mi ripeto che la carburazione va provata e verificata di volta in volta.
  15. Porta anche il getto del minimo 48/50. Riguardo la velocità massima, in piano non ho visti dr p&p superare i 100.
×