Vai al contenuto

Francesco GTR

Members2018
  • Conteggio contenuto

    506
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Giorni ottenuti

    3

Francesco GTR ha vinto l'ultimo giorno in 6 Gennaio 2018

Francesco GTR ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

19 Good

Che riguarda Francesco GTR

  • Rango
    Senior Member
  • Compleanno 18/09/1961

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. L'olio arriva dal condotto sotto la vasca al carburatore e da qui, a vespa ferma mancando aspirazione, probabilmente attraverso i condotti dello stesso finisce all'interno della vasca del depuratore, Infine esce dal tappino posteriore che quasi sempre non ha tenuta ermetica. Visto che l'hai citata, anche la guarnizione sotto la vasca spesso è causa di perdite, indipendentemente dalla valvola: in realtà tutto il sistema a mio avviso è piuttosto mal concepito poiché, pur funzionando, è spesso fonte di problemi, non ultimo il dosaggio eccessivo d'olio (hai mai visto il pistone di una vespa con miscelatore? A volte si incollano addirittura le fasce). Tornando alla guarnizione vasca-carter, a motore nuovo con i carter la vasca ecc, appena piallati il tutto tiene (come del resto la testa del cilindro) , poi smontando e rimontando col serraggio delle due viti piuttosto grosse del carburatore si imbarca la base della vasca e questo è sufficiente a far si che la tenuta venga meno. Si rimedia sigillando la guarnizione con apposito mastice elastico. Tra testa e cilindro basta un filo di silicone alte temperature e non trafila più.
  2. Il difetto è subentrato o da quando hai la vespa (non sappiamo se l'hai presa da poco, se era tua o ce l'hai da tempo)?
  3. Appunto, una volta montati rifai la prova se la scintilla è ancora debole va cambiata la bobina interna at con una nuova o, come qualcuno ha suggerito, con la modifica bobina at esterna e bt interna. Lascia perdere tutte ste foto che non ci caviamo niente, quelle descritte son le prove da fare, ne riparliamo dopo messi condensatore e puntine nuove.
  4. Ti ho già scritto sopra le prove da fare prima di prendere iniziative, se non fai quelle inutile andare avanti. Una volta appurato se la scintilla è valida o meno parliamo di come procedere. Per rispondere all'altro quesito ti dico di no, l'anticipo errato non dà assolutamente questi sintomi, inoltre non si sregola certo da solo, idem per l'apertura delle puntine, non c'entra niente con la non partenza, semmai varia leggermente l'anticipo. Ti dirò che, viceversa, qualche volta si sopperisce alla scarsa scintilla chiudendole il più possibile e in questo modo va un po' meglio, ma questo è un altro discorso.
  5. E' la candela che viene montata praticamente su tutte le vespe 125-150, in sè va bene semmai verifica (se non l'hai già fatto) se è buona.
  6. La corrente scarsa è una causa tipica della difficoltà di partenza, per verificare bene togli la candela e, nelle varie condizioni (caldo, freddo) prova ad abbassare a mano la pedivella: la scintilla deve essere vigorosa in tutti i casi altrimenti avrai proprio il difetto lamentato. Cosa fare se appunto non c'è una buona scintilla? Tu chiedi (propriamente) se puntine e condensatore influiscano sulla scintilla, ebbene sì ovviamente, devono essere in ottimo stato quindi comincia a sostituire entrambi (soprattutto il condensatore) poi verifica. Se la scintilla non è ancora valida allora si passa alla bobina: quella interna fa tutto per cui va provata un'altra bobina stesso tipo, non serve mettere quella esterna poiché se in ordine va anche quella interna. Comincia con queste prove dunque.
  7. Allora Andrea, la conclusione che hai tratto dal tuo ragionamento fa colpo, il problema è che la stima di 3 ore è sicuramente sbagliata. Ti dicevo che ci sono due modi per aprire il motore, 1) il più classico è quello di tirare giù il motore, staccando tutti i comandi, tubo benzina, impianto elettrico ecc. per cui figurati, 3 ore servono solo a tirarlo giù ed aprirlo; poi andrà lavato , va visto cosa si è rotto e a quel punto a motore aperto vanno valutate le condizioni in cui versa, se è "kilometrato" avrà roba da cambiare (paraolio e guarnizioni d'obbligo ma poi crociera frizione, cuscinetti ecc. come stanno?? che vuoi fare, lasciarle così??) ma ovviamente puoi decidere di lasciare tutto com'è e riparare solo quel guasto, insomma dipende molto da com'è messo il motore e da cosa vuoi fare visto che è stato aperto. 2) se invece vuoi fare un intervento mirato poiché il motore è già stato revisionato di recente., si può aprire senza levarlo dal telaio, levando i prigionieri del cilindro e sollevandolo, operazione comunque che richiede (soprattutto il rimontaggio che deve esser accurato) ben più di 3 ore, diciamo se non ci sono inconvenienti, almeno il doppio (6). Ipotizzando il difetto più semplice e probabile, la molla rotta o sganciata, il costo dei ricambi (guarnizioni, molla, tamponi di battuta, olio motore se non c'è altro!) potrebbero aggirarsi sui 50 euro più 6 ore a circa 40 euro l'una arriviamo a circa 300 euro, quindi ben lontani dai 700 preventivati. Questa però è solo un'ipotesi e le variabili sono, come ripeto, le condizioni del motore e ciò che decidi di fare, ma se vuoi risolvere solo quel danno indipendentemente da tutto lo si può fare come da ipotesi nr, 2. 🖐️ ciao!
  8. Vedi Andrea serve a poco insistere: se hai l'alluce valgo non possono guarirti guardandoti le tonsille 😏 Insomma se non si è rovinata la zigrinatura della pedivella devi solo aprire il carter perché il resto sta dentro. Difficile che si sia torto il perno fino a quel punto, cede prima la pedivella. perciò aprendo avrai la giusta diagnosi. Eventualmente, se devi risolvere solo quel problema ed il resto del motore è già a posto, c'è un modo di aprire diciamo più semplice senza levare il motore, ossia sfilando i prigionieri del cilindro.
  9. Quanto alla comodità di rifornimento va da sè che col mix sia meglio; in realtà il miscelatore della vespa, mal concepito, spesso e volentieri dà problemi. innanzitutto fa una miscela più grassa (ca il 2,4% misurata), ma il problema più frequente è la mancata tenuta della valvolina di chiusura, composta da una molletta ed una piccola sfera, col risultato che da ferma l'olio passa al carburatore e di lì alla camera di manovella imbrattandola, soprattutto quando il serbatoio è pieno, e causando al riavvio una fumata da altoforno. Tutto ciò provoca col tempo incrostazione esagerata del pistone ed il precoce incollaggio delle fasce, problema personalmente riscontrato in più occasioni. Non tutti i mix presentano in modo evidente e sintomatico il difetto, ma spesso ciò accade ed i vari tentativi di ovviare all'inconveniente (molletta più dura, sigillatura guarnizioni ecc.) spesso falliscono. In conclusione se il mix non c'è ovviamente non avrai mai questi problemi ma avrai la scomodità già descritta.
  10. Dal video difficile sentire, troppo disturbato; per cambiare la crociera bisogna aprire il motore quindi probabile abbia commesso qualche errore (erroraccio) di assemblaggio. La frizione in certi casi fa una grattata tipica ma, posto che non mi sembra quello il rumore, lo fa in altre occasioni non rilasciando il gas. Credo proprio vada riaperto il motore partendo ovviamente dalla frizione che, in caso sia quella, ti evita di aprire tutto.
  11. L'altro forato va sul condotto di spurgo del carburatore (sotto) che va ad infilarsi nella scatola depuratore e sfiata circa sopra il coperchio frizione. Poi ce ne sarebbero altri due: uno attorno al tubetto dell'olio del miscelatore (ovviamente per i modelli che ce l'hanno), in corrispondenza del suo passaggio nella scatola depuratore, e l'altro è il passatubo benzina, sempre nella scatola depuratore.
  12. Ho la sensazione che ti stia creando problemi che non esistono, la ghigliottina è fatta così non ti agitare inutilmente, la vite del minimo è quella lunga che spunta dal filtro cosa ti frega sapere quanto è avvitata o svitata, quando tiene il minimo giusto basta (a meno che non ti riferisci alla vite della carburazione dietro il tappino nero) Se va bene lasciala stare così 😏
  13. Ehi Archimede, lo avevo sospettato ma non riesco a capire la dinamica, dimmi di più. Io sono arrivato a pensare che, per effetto delle turbolenze, le scorie carboniose finiscano tra cilindro e quella luce, rigandolo, ma non so se è plausibile. Grazie comunque del ragguaglio
×
×
  • Crea nuovo...