Vai al contenuto

Marcoblu

Members2018
  • Conteggio contenuto

    70
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da Marcoblu

  1. Ciao Dart, oggi ho ripreso il lavoro…chiuso i carter, montato la frizione e chiuso il carterino della stessa…nel muovere la pedivella mi sembra funzioni tutto bene. Ho poi rimesso il disco parapolvere gli oring e le ganasce del freno posteriore. Mi è però venuto un un dubbio rimontando gli organi del freno cioè non ricordo se le piastrine sono posizionate correttamente come le vedi e se la copiglia deve essere messa tra la molla e il braccio come da foto…Marco
  2. Dart, forse qualcosa in più ho capito guardando il disegno quotato dell’albero motore, parlo del lato frizione. Dando per scontato che l’albero appoggi sulla faccia del cuscinetto, lo spazio tra questo e l’albero stesso è di 0,5 m/m. Sempre secondo il disegno la somma di L1 e L2 è di 19,5 m/m ( alloggio cuscinetto + alloggio paraolio). Le dimensioni del cuscinetto e paraolio sono in tutto di 18,5 m/m (altezza cuscinetto 12 m/m + altezza paraolio 6,5 m/m), ecco motivo per il quale il rasamento è distanziato di circa 1 m/m dal paraolio. Se il ragionamento è corretto è spiegato il motivo per cui sul lato frizione l’albero motore è così vicino al carter.
  3. No Dart la foto inganna, la distanza tra paraolio e filo superiore del rasamento è di 3 mm (misurato).Quindi c’è un gioco, considerando lo spessore del rasamento di circa 1 mm, di 1,5 mm tra paraolio e rasamento… Ma forse hai ragione tu mi faccio troppe pippe..
  4. Ecco le foto..se ho capito bene. Anche quelle lato volato per capire come si comporta il cono ccon il paraolio e lato frizione. La distanza tra paraolio e filo superiore rasamento (per cui tenendo conto del suo spessore) è di 3 mm. L'albero si muove libero..
  5. Dart, ho provato a chiudere i due carter senza guarnizione e adesivo e muovendo la pedivella entra benissimo semplicemente spingendo dolcemente con le mani. Questa la nota lieta, anzi di più. Però poi ho notato, come si vede dalle foto, che l’albero motore e la biella non mi sembrano perfettamente centrati rispetto al vuoto dove s’innesterà il cilindro, risultano infatti maggiormente spostati verso il lato frizione. Cosa ne pensi? Può compromettere il funzionamento del pistone?
  6. ..per i bulloni ritieni utile sempre la chiave dinamometrica per rispettare le coppie di serraggio?
  7. ..era per condividere una certa preoccupazione..quindi meglio l’Arexons..
  8. Volevo dire che spero di aver fatto bene il lavoro di restauro degli organi interni…in questo senso sarebbe bellissimo eseguire una sorta di collaudo (anche solo per capire se i movimenti tra di loro sono corretti). Mentre tra i due carter oltre alla guarnizione devo mettere qualche sigillante particolare?
  9. ..ho seguito il tuo consiglio ho portato il cilindro per la rettifica. Mi hanno detto che non era male ma conveniva farla. Visto il lavoro che sto facendo meglio così. Ora però devo chiudere i carter. Chissà perché temo questa operazione, ( se ho sbagliato qualcosa va tutto a rotoli) mi puoi dare qualche consiglio operativo? Marco
  10. ..con pazienza ci sono riuscito e l’albero ruota benissimo. Ora però non mi è chiaro sino a quanto deve entrare. Una cosa è certa più di così il dado non tira. Dal mio punto di vista la risposta è connessa alla posizione della rondella verso la frizione: se questa si deve appoggiare sul paraolio allora devo spingere leggermente l’albero verso il lato volano; se invece deve essere staccato dal paraolio e andare in battuta sullo smusso sull’albero (come in foto) allora va bene così com’è…
  11. ..perdonami ma non ho capito molto bene..non hai una foto o qualcosa per rendermi chiaro il passaggio dello spessoramento?…in appoggio riesco a posizionare l’albero in modo tale che nel ruotare non tocchi i bordi laterali ma tirandolo con l’attrezzo non mantiene la posizione e si storta…forse sarebbe stato meglio montare prima il cuscinetto sull’albero?
  12. ..questa sera ho provato a montare l’albero motore ma non ci sono riuscito: ieri ho messo l’albero nel congelatore ho unto il cuscinetto cercando di centrarlo il più possibile, ho poi spessorato con rondelle dal lato frizione tirandolo con il bullone m12 ma per diverse volte mi è entrato storto.. ora ho persino timore di spannare il filetto dell’albero…Accidenti davvero difficile
  13. ..dimenticavo è bene sostituirli i 21 rullini o posso usare quelli che ho smontato?
  14. Caro Dart ho finito di revisionare il parastrappi..spero di vaer fatto un buon lavoro (ti allego la foto) ho montato le doppie molle così sono più sicuro. Ho solo un dubbio sull’alberino del cuscinetto che ho pulito e passato con una spazzolina di ferro. Come vedi dalla foto non riesco a capire se è usurato al punto da necessitare una sostituzione oppure può andare ancora bene (credo non sia particolarmente sollecitato). Sto realizzando un piccolo attrezzo per tirare l’albero motore..appena pronto lo posto per un tuo parere. Purtroppo il prigioniero passante non sono ancora riuscito a toglierlo dalla sede. Ho spruzzato più e più volte il wr40 e battuto con la dovuta accortezza ma nulla, non ci pensa proprio ad uscire. Riproverò ancora anche se la sede mi sembra particolarmente intasata. A breve si parte con il montaggio degli organi revisionati…che emozione!!
  15. Magari non è il mio caso, ma il manuale Piaggio prevede, in sede di montaggio dell'albero motore (e questo per tutti i modelli), un controllo del suo allinemaneto per la verifica di specifiche eccentricità da ricomprendersi entro determinate tolleranze. Devo dire che, se ne ho compreso bene il fine, tale verifica mi sembra ragionevole, fermo restando l'impossibilità da parte mia di poterla eseguire. La variante alla rubrica rimontaggio (che riguarda anche la TS) parla di un anello interno cuscinetti a rulli di banco che deve avere una quoota di 16 mm, ma a me non sembra di avere visto questo anello...accidenti forse me lo sono perso!!!
  16. Fatto come mi hai suggerito, mi sembra che il cuscinetto ora sia entrato molto bene..ho verificato con una bolla sferica e non ci sono salti di quota tra cuscinetto e carter… ps a mio giudizio non è un progetto ben pensato perché non essendoci una battuta del cuscinetto ma un paraolio in gomma ( quindi non fisso) è evidente che è impossibile accertare la perfetta equidistanza dal carter..
  17. Per come è fatto è Impossibile sbagliare poiché le due facce sono tra loro diversissime. Quello in foto è identico a quello che ho smontato, mentre quello rimontato (di dimensioni analoghe perché l’ho misurato prima) ha la parte interna quella di metallo rivestita in gomma….Però credo che vista l’importanza assoluta del corretto montaggio di questi due pezzi convenga se pur a malincuore: togliere il seeger di tenuta, rimuovere il paraolio (a questo punto rovinandolo) scaldare il carter, spingere il cuscinetto perfettamente a raso, rimettere il paraolio (sperando che lo smusso non si muova) quindi rimettere il seeger…non proprio da esperti del settore accidentiame!!
  18. È più che evidente che se tolgo il paraolio questo si deteriorerà..poco male per pochi euro meglio essere certi di fare un buon lavoro. Nel rimontare il paraolio e il cuscinetto quello che mi ha confuso (confusione che persiste) sono le prescrizioni del manuale Piaggio: come puoi vedere suggeriscono prima di scaldare e poi procedere con il montaggio del paraolio e poi del cuscinetto. Se poi osservo la sequenza per il modello VNL2 il paraolio va fatto entrare dall’interno del carter verso l’anello di tenuta...e questo mi sembrerebbe ovvio anche solo perché in questo modo si può far coincidere lo smusso del paraolio con il foro di lubrificazione del carter…(scusami se insisto sul tema e abbi molta pazienza!)
  19. ..sei troppo bravo…ho avuto la tua stessa opinione perché quello che ho estratto aveva un lato rivestito in gomma (lato frizione) e uno in metallo lato opposto..mentre quello che ho rimontato aveva entrambe le facce rivestite in gomma, ma il fornitore mi ha assicurato che andava bene comunque….ora che si fa? Credo sia meglio smontarlo nuovamente…sono molto arrabbiato!! Dopo le tue spiegazioni comprendo meglio perché quel prigioniero è l’unico che ho fatto fatica a pulire all’innesto con il carter…come faccio a toglierlo?
  20. Caro Dart, sono finalmente riuscito con molta perizia a montare paraolio e cuscinetto lato frizione dell'albero motore. Nonostante avessi scaldato il carter e congelato il cuscinetto quest'ultimo è entrato a fatica...non mi sembra perfettamente a filo del carter...però più di così non entrava, o forse io non sono stato capace di fare meglio. Ti allego le foto per un tuo giudizio (per quanto possibile vedere). Per cortesia mi puoi spiegare qual' è il prigioniero altezza braccio oscillante?
  21. ..finalmente sono riuscito a togliere i ribattini: un punteruolo e il trapano con una punta al cobalto hanno fatto il resto. Devo dire che questa parte del restauro è stata almeno per ora quella più difficile. Tolto l’alberino e sostituito il cuscinetto..spero che con la chiusura vada un po’ meglio. Ho notato che l’alberino presenta dei leggeri segni d’usura in corrispondenza degli ingranaggi e non so valutare se conviene sostituirlo. Con la molla dell’ingranaggio della mezzaluna e la sostituzione dell’o-ring ho ultimato il montaggio delle parti del carter lato volano. Pulito di fino il carter lato frizione. Ho poi un quesito la rondella in foto è quella posizionata tra il paraolio dell’albero del cambio e la frizione. Le due facce non sono omogenee: una presenta dei cerchi concentrici, l’altra è uniforme. Si tratta di segni d’usura? Andrebbe quindi sostituita? Un ultima questione: considerando le sollecitazioni cui sono sottoposte lo stelo comando marce e la rondella di chiusura conviene utilizzare la “colla” per viti per migliorare il serraggio? Tra poco inizierò la fase di montaggio degli organi revisionati…un po’ di timore c’è. Forza..avanti! ps ho provato a modificare la posizione del paraolio dell’albero del cambio ma ho poi desistito per timore di rovinarlo..
  22. ..no preferisco seguire il tuo consiglio quindi modificherò la posizione del paraolio fino al filo superiore del carter (mia rozza traduzione del " filo dello svaso d' invito") mentre non ho capito cosa voglia dire "controlla solo che il tamburo abbia un sufficiente sormonto per la tenuta" ma mi porro questo problema quando monterò il tamburo Per i ribattini non avendo un trapano a colonna ma uno a mano è davvero difficile, ho solo timore di allargare i fori dell'ingranaggio. Mi ha colpito molto trovare tutte le molle rotte quindi se avessi chiuso il motore senza intervenire sarebbe stato un disastro.. Grazie ancora per i tuoi preziosissimi consigli per me tecnicamente molto eruditi Marco
  23. Caro Dart come mi avevi consigliato sto revisionando i parastrappi e le molle come si vede in foto, sono tutte rotte (ora dico guai a non averlo fatto). Sto però facendo molta fatica a togliere i chiodi, anche con il trapano con una punta n. 3 non è per nulla agevole. Spero tanto di non danneggiare i fori dell’ingranaggio. Ho poi montato tutti i componenti sul lato volano (mi è venuto solo un dubbio sulla corretta posa dei gommini di battuta messa in moto ma mi sembra che così vadano bene). Un altro quesito riguarda il paraolio che vedi nella terza foto: va spinto fino al seeger come ho fatto oppure va tenuto a filo più esterno del carter? Da ultimo un inciso: forse penserai che sono un po’ lento nel restauro ma non ho molto tempo a disposizione e ad ogni buon conto desidero fare il lavoro con molta molta prudenza…grazie e ciao
  24. Ho verificato che lo spessore dei due astucci e sono identici, quindi ho provveduto ad inserirlo nella sua sede. Ci sta perfettamente quindi nel modello Ts la rondella non c’è. Nel montare i cuscinetti dell’albero motore ho notato che diversamente da quelli che ho sostituito quelli nuovi non hanno la protezione verso l’interno. Forse non cambia nulla ma potrei togliere le protezioni dei cuscinetti vecchi e dopo averle lavate montarle sui cuscinetti nuovi. Oggi ho commesso il primo grave errore di montaggio: la sostituzione del paraolio albero motore lato frizione e per capirci allego la foto dell’esistente. Ho prima inserito l’anello elastico, quindi scaldato la sede per inserire l’anello di tenuta e quindi il cuscinetto. Purtroppo forzando con le dita e battendolo con il martello di gomma l’anello di tenuta si è rovinato… forse non è la procedura corretta
  25. ..dimenticavo. Sempre il Manuale prevede nel rimontaggio dell'astuccio a rullini dell'abero del cambio la presenza di una rondella di spallamento, che però in fase di smontaggio io non ho trovato (nemmeno nei miei appunti né ho rovato traccia)...
×
×
  • Crea nuovo...