Vai al contenuto

Futuri eurox.........eccoli qua'!!!!!


V11T
 Condividi

Messaggi raccomandati

Spedizione a 5 € su tutti gli ordini. Acquista Subito Online!
 
 
 

Per forza si rimane fregati, le norme euro x sono state pensate ulteriore contributo alla riduzione dell'inquinamento. Dovevano essere a carico delle industrie che si devono dare da fare a stare dietro ai limiti sempre più restrittivi e sempre più ravvicinati nel tempo in quanto decisi a priori e quindi con un ragionevole margine di tempo dato alle industrie per adeguarsi.

In Europa le persone quando cambiano auto (per loro ragioni) se ne trovano semplicemente in vendita di un po' meno inquinanti. E più veloce è il susseguirsi delle norme e meglio è.

Solo in Italia vengono usate da spartiacque con gli untori da una parte e i bravi ragazzi dall'altra. E' un bel guaio...

Link al commento
Condividi su altri siti

In Europa le persone quando cambiano auto (per loro ragioni) se ne trovano semplicemente in vendita di un po' meno inquinanti. E più veloce è il susseguirsi delle norme e meglio è.

Solo in Italia vengono usate da spartiacque con gli untori da una parte e i bravi ragazzi dall'altra. E' un bel guaio...

Scusami ma non capisco cosa intendi.

Link al commento
Condividi su altri siti

In Europa le persone quando cambiano auto (per loro ragioni) se ne trovano semplicemente in vendita di un po' meno inquinanti. E più veloce è il susseguirsi delle norme e meglio è.

Solo in Italia vengono usate da spartiacque con gli untori da una parte e i bravi ragazzi dall'altra. E' un bel guaio...

Scusami ma non capisco cosa intendi.

Che i nostri cari governanti per il bene della popolazione (e dei loro amici produttori di automobili) con i soldi degli altri sanno sempre fare bene i conti.

Ciao FC

Link al commento
Condividi su altri siti

Il concetto è semplice:

Il costruttore, mediamente dispone di 4 anni per costruire e vendere un veicolo con nuovo livello di Euro.

Il consumatore, si trova invece quest'anno a non potere usare il veicolo Euro 1, il prossimo il veicolo Euro 2, e così via.

Alla fine, quei bastardi dei nostri governanti, che tanto problemi non ne hanno perchè girano con le NOSTRE auto blu, puniscono NOI perchè INQUINIAMO con i famigerati " VEICOLI INQUINANTI", cioè quelli che a suo tempo hanno concesso ai costruttori di progettare, omologare ( Euro 0, 1, ecc.) e vendere a NOI.

Siamo un caso unico al mondo, li facciamo sempre ridere tutti.

Questo è uno di quei pochi momenti che sinceramente mi vergogno di essere italiano.

Link al commento
Condividi su altri siti

Scusami ma non capisco cosa intendi

Intende una cosa che nei paesi civili è ovvia: Le norme EURO sono standard industriali che stabiliscono come un veicolo debba essere costruito a partire da una certa data. In tal modo le industrie sono costrette ad adeguare la produzione che deve conformarsi al rispetto di norme sempre più restrittive per quanto attiene le emissioni inquinanti e le dotazioni di sicurezza. Pertanto chi sostituisce un veicolo prodotto anni prima ha la certezza di acquistarne uno migliore dal punto di vista inquinamento e sicurezza. Solo in ItaGlia le amministrazioni pubbliche, complice un ambientalismo peloso dalla coscienza poco pulita, usano l'entrata in vigore delle successive norme EURO come scusa per vessare in vario modo i cittadini costringendoli all'acquisto di veicoli nuovi, prima che ne abbiano la reale necessità, causando inoltre la pressoche totale perdita di valore del veicolo usato in tempi rapidissimi con ovvi vantaggi per le casse dello stato, dei costruttori, delle assicurazioni, dei concessionari. Una delle tipiche invenzioni itaGliane è quella delle targhe alterne: un ignobile trovata in base alla quale se non hai un auto o moto ultimo modello in certi giorni, in normali orari di lavoro non puoi recarti in gran parte della città. Questo ovviamente nella TOTALE assenza di qualunque miglioramento del trasporto pubblico. Quindi se sei COSTRETTO a recarti al lavoro con il mezzo privato (il che in ItaGlia è vero per la stragrande maggioranza) o ti comperi due veicoli uno pari ed uno dispari o butti (perchè nessuno la acquisterebbe) il veicolo che hai e ne comperi uno nuovo, in entrambi i casi sobbarcandoti le relative spese. Spero di essere riuscito a spiegarmi, anche perchè so che in Svizzera l'ambientalismo è una cosa seria.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie per le illuminanti spiegazioni.

In effetti qui qualsiasi veicolo può circolare basta che sia in regola con il codice della strada al momento della sua immatricolazione e che abbia regolarmente passato la revisione (ogni 2 anni, oltre alla meccanica sono controllate la carrozzeria e le emissioni). Il risultato, è che amici miei girano senza problemi tutti i giorni con la loro Farobasso o VNA, o con la 500, o con la Giulia 1300.

Il risultato è che l'inquinamento di Ginevra (città + cantone sono 300'000 abitanti) è accettabile.

Link al commento
Condividi su altri siti

Scusami ma non capisco cosa intendi.

Le norme euro 1, ecc furono pensate come un percorso a tappe (forzate) per arrivare a veicoli ad inquinamento zero. Il proggressivo inasprimento dei limiti è pensato per dare il tempo ai costruttori di adeguare/sviluppare le tecnologie necessarie. Il naturale ricambio del parco mezzi contribuirà a contenere (o ridurre) l'inquinamento.

NESSUNO in sede europea ha mai pensato che queste norme possano servire per disciplinare la circolazione.

Inoltre tra gli strumenti normativi D'EMERGENZA il responsabile della salute pubblica (i sindaci in Italia) hanno il potere di bloccare tutte o certe categorie di veicoli. Provvedimento che ha senso e saltuariamente viene applicato in europa (ad es in caso di gravi incedi con particolari condizioni metereologiche che facevano ristagnare i fumi è stato bloccato il traffico privato e fermate alcune industrie per un paio di giorni).

Provvedimento che in Italia viene usato in maniera distorta come ben sappiamo. Perchè non facendo altro siamo sempre sopra ai limiti ritenuti pericolosi per la salute ed anche con questi blocchi la situazione non migliora.

Ed oltre al danno la beffa: il comune di bologna ha commissionato studi approfonditi di impatto ambientale all'università (pagandoli milioni) e poi fa esattamente il contrario.

Scusate lo sfogo...

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...