Vai al contenuto

Messaggi raccomandati

Da ieri 1/1/2007 con il mio P200e del 1983 sono ormai bandito per sempre dalla gran parte (anello ferroviario) della città dove, per mia disgrazia, sono nato e vivo. Roma. Nella restante parte: la cosidetta fascia verde, nella quale il verde si riduce ogni giorno di più, ma questa è un altra storia, quando le centraline superano il PM 10 stabilito non potrò circolare e questo senza preavviso, non blocchi programmati. Sempre in questa zona (che è quella dove abito) quando fanno i blocchi programmati (targhe alterne) non potrò circolare comunque indipendentemente dalla targa.

Insomma sono un UNTORE, un BANDIDO, invece del casco metterò un cappello da GANGACEIRO. Naturalmente di come farò a recarmi al lavoro non importa nulla a nessuno, con i blocchi senza preavviso esco di casa a mio rischio e pericolo, il giorno delle targhe a sorte non potrò tornare a casa fino alle 21 di sera. Naturalmente resto convinto che fermare le due ruote non sposti neanche di un decimale le cifre dell'inquinamento ma ben altre cifre si sposteranno dalle tasche di molti cittadini a quelle dei concessionari, delle assicurazioni, e delle verie imposte.

Ringraziamo gli pseudo ecologisti: BUON 2007!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

E visto che non mi lasciano scelta sono entrato nell'ottica di acquistarlo questa C@220 di moto nuova. Naturalmente lo stato d'animo è quello di chi subisce un estorsione, un furto legalizzato, ma tant'è questa è l'ItaGlia. Ricorro quindi al vostro consiglio, anche se so già come la pensate. La Burra (la mia attuale Vespa) la terrò e conto di porla temporaneamente in disarmo per restaurarla. Questi i corni del dilemma:

PX 151 o GTS 250?

Come jolly metto la Yamaha 250 Tricker ma è un idea di moto da città che ha i suoi punti positivi ma non può competere in comodità con uno scooter.

Link al commento
Condividi su altri siti

Comunque non vedo su cosa possa fondarsi il tuo dilemma...PX 151 è ovvio no?!

Grazie per la solidarietà. Abbasso gli pseudo ecologisti che hanno reso la lotta contro l'inquinamento un affare per fisco, concessionarie ed assicurazioni!

Ovvio! Il cuore ed anche la tasca dicono lo stesso anche a me. Accessori in comune con la Vespa 200 che ho: parabrezza, portapacchi, ruote di scorta, la manutenzione ordinaria so farla da solo ed anche parte di quella straordinaria.

Ma c'è un ma bello grosso: il 2T neuro 2 se tra un paio d'anni il cacicco ed il consiglio caciccale decidono che neuro 2 non basta più e ricominciano la storia? Ci sono passato già con l'auto: avevo una ford dell'88 nel '99 aveva fatto 150.000 km ben tenuta, niente incidenti, non consumava un filo d'olio ma non era catalitica, probabilmente camminerebbe ancora. Stanco di blocchi, targhe alterne ed anche convinto dalla propaganda che passare da non catalizzato a catalizzato fosse una necessità per l'ambiente presi una Punto neuro 2. Oggi con poco più di 80.000 km gia hanno iniziato a scocciare nuovamente con la storia delle targhe alterne: non è più catalitica a sufficienza. Son certo che tempo un paio di anni mi obbligheranno a sostituirla anche se l'ho usata pochissimo.

Poi c'è il discorso prestazioni: gia l'idea di passare dal 200 al 150 mi piace poco, il nuovo 250 è neuro 3 ha prestazioni di rilievo, certo non ha la ruota di scorta e neanche la leva di avviamento, in compenso ha il vano sottosella.

Dai facciamo l'ennesimo dibattito Vespa classica contro Vespa frullatore.

Link al commento
Condividi su altri siti

il tricker lo escluderei...l'ho provato..è agilissimo ma hai le ginocchia nei denti, per non parlare del passeggero...

ti consiglierei il px 151 ma nelle città grandi come roma o milano dove le leggi anti-inquinamento vengono appilcate piu spesso rischi di rimanere appiedato tra qualche anno se va avanti cosi...

il gts è stupendo...ma è automatico :P

Link al commento
Condividi su altri siti

Infatti,anch'io sarei molto restio ad acquistare un 2 tempi euro 2... secondo me non resisterebbe molto in circolazione!Ormai il 2 tempi è condannato a morte.Nel contempo non vorrei darla vinta a quei merd-si della piaggio che invece di pensare ad una evoluzione duratura del PX ne prolungano l'agonia raffazzonando improbabili marmitte con sfiati e tubicini...dicevo,non vorrei darla loro vinta acquistando un mero prodotto di marketing quale è l'attuale produzione di scooter a variatore che hanno denominato(sono liberi di farlo,il marchio è loro)"Vespa"ma che chi riesce a discriminare non riconosce minimamente.

Percio' io cerchero' di tenermi il mio PX del '99(non catalitico ma aggiornato,solo formalmente,ad euro 1 con lettera della Piaggio)finchè proprio le guardie municipali avranno l'ordine di tolleranza zero verso i non cat.Per ora la situazione è tranquilla(almeno qui da me a Vigevano,PV ),vedo molti "fuorilegge"come me viaggiare impunemente davanti ai vigili ,compresi i camioncini dei muranda con cortina fumogena di james bond,senza che questi battano ciglio.Non so come è da te la situazione vigili ma io ti direi di sbattertene e finchè puoi andare in giro col tuo bel PX.

Link al commento
Condividi su altri siti

Condoglianze. Se ti può consolare ho appreso anch'io stamane che a breve mi toccherà cambiare la fedelissima 106 di 2^ mano che dall'alto dei suoi 142000 Km e 9 anni senza UN guasto mi guarda triste e sconsolata: non potrò più prenderla per andare a lavorare a Firenze senza prima calcolare le congiunture astrali e/o sapere con che piede si è alzato l'assessore al traffico...

Ho provato la GTS: le prestazioni ci sono, ma è stata soprattutto la regolarità dell'erogazione a darmi l'impressione di un buon prodotto. Al contrario il vano sottosella non mi è piaciuto per niente: piccolo, sagomato male, impossibile metterci qualcosa che non sia un casco jet mini e senza visiera, fa il paio con i vani del retroscudo che sono anch'essi ridotti al minimo sindacale.

Alla fine ho preso il 151, ma tieni presente che volevo una vespa che mi accompagnasse per la vita!

Link al commento
Condividi su altri siti

ti direi di sbattertene e finchè puoi andare in giro col tuo bel PX

Per il momento è ciò che ho intenzione di fare. Anche a me capita spesso di vedere in giro diesel, in particolare camioncini che paiono andare a carbone ed ogni volta mi chiedo: "Ma quello il bollino blu (cretino blu) non lo deve fare? Poi è la Vespa ad inquinare...". Prevedo però che almeno all'inizio una stretta, almeno per far vedere che il provvedimento (idiota) lo applicano dovranno darla. Non credo che ci convertiremo in "vespistas de rua" inseguiti da "pizardones de la muerte" ma 70 neuri di multa fanno male, specialmente se sei in Vespa per la necessità di andarli a guadagnare.

Link al commento
Condividi su altri siti

Comunque non vedo su cosa possa fondarsi il tuo dilemma...PX 151 è ovvio no?!

Grazie per la solidarietà. Abbasso gli pseudo ecologisti che hanno reso la lotta contro l'inquinamento un affare per fisco, concessionarie ed assicurazioni!

Ovvio! Il cuore ed anche la tasca dicono lo stesso anche a me. Accessori in comune con la Vespa 200 che ho: parabrezza, portapacchi, ruote di scorta, la manutenzione ordinaria so farla da solo ed anche parte di quella straordinaria.

Ma c'è un ma bello grosso: il 2T neuro 2 se tra un paio d'anni il cacicco ed il consiglio caciccale decidono che neuro 2 non basta più e ricominciano la storia? Ci sono passato già con l'auto: avevo una ford dell'88 nel '99 aveva fatto 150.000 km ben tenuta, niente incidenti, non consumava un filo d'olio ma non era catalitica, probabilmente camminerebbe ancora. Stanco di blocchi, targhe alterne ed anche convinto dalla propaganda che passare da non catalizzato a catalizzato fosse una necessità per l'ambiente presi una Punto neuro 2. Oggi con poco più di 80.000 km gia hanno iniziato a scocciare nuovamente con la storia delle targhe alterne: non è più catalitica a sufficienza. Son certo che tempo un paio di anni mi obbligheranno a sostituirla anche se l'ho usata pochissimo.

Poi c'è il discorso prestazioni: gia l'idea di passare dal 200 al 150 mi piace poco, il nuovo 250 è neuro 3 ha prestazioni di rilievo, certo non ha la ruota di scorta e neanche la leva di avviamento, in compenso ha il vano sottosella.

Dai facciamo l'ennesimo dibattito Vespa classica contro Vespa frullatore.

Guarda, non e' per screditare il GTS 250, ma un mio amico recentemente e' caduto a Milano di fronte al bar ATM, scivolando lungo quel falso marciapiede che corre lungo le rotaie del tram.

IL GTS e' scivolato a terra su un fianco. Il tempo che questo mio amico ha avuto per rialzarsi e rialzare il frullatore, dal tubetto di sfiato della batteria e' colato tutto il liquido interno della batteria. (perche' TUTTE le batterie per scooter hanno questo sfiato interno, pena la formazione di gas e relativa pericolosita' della batteria).

Morale della favola : senza liquido nella batteria il GTS non si e' piu riavviato, ed e' stato giocoforza spingerlo a manina sino al piu vicino centro piaggio.

Con un PX ti pare che la cosa avrebbe avuto un seguito?

Link al commento
Condividi su altri siti

Effettivamente l'assenza di un avviamento d'emergenza a pedale mi sembra una mancanza grave. Le piccole batterie delle moto ci impiegano poco a scaricarsi, se capita di non usarlo per un paio di settimane c'è gia il rischio di non partire. Con gli automatici non si può nemmeno avviare a spinta.

Il tricker è una motina agilissima che nel traffico della città potrebbe essere interessante e divertente. Ha tutti gli inconvenienti della moto: gambe esposte al freddo ed all'acqua, mancanza di spazi dove riporre quanto si deve portare con se.

Della Vespa PX apprezzo da sempre le capacità di carico: sul portapacchi posteriore spesso ci piazzo una borsona sportiva che sporge a destra ed a sinistra e non ho mai avuto problemi. Sulla maggioranza degli scooter moderni una cosa del genere non saprei dove metterla. Altra caratteristica unica della Vespa classica è l'intercambiabilità delle ruote, spesso non ci si pensa ma la ruota di scorta ed i cerchi scomponibili che si smontano in un attimo sono un bel risparmio di tempo e denaro in tante situazioni.

Link al commento
Condividi su altri siti

Il tricker è una motina agilissima che nel traffico della città potrebbe essere interessante e divertente. Ha tutti gli inconvenienti della moto: gambe esposte al freddo ed all'acqua, mancanza di spazi dove riporre quanto si deve portare con se.

è divertente da guidare, maneggievole come una bici, specialmente qui in montagna, ma secondo me, dopo averla provata, in citt├í stufa dopo un po...

yamahatricker-6834-015-f1.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

Da romano ti consiglio il GTS 250: è molto adatta alle buche ed alle distanze medie quotidiane della nostra città

guadagnerai in prestazioni e comfort, e non ti fermeranno per un bel pezzo!

in fondo un px già ce l'hai, no? nel frattempo te lo restauri con comodo e poi lo iscrivi FMI e poi decidi con cosa girare ...

Link al commento
Condividi su altri siti

caro fabrizio,

io sono romano e ho avuto l'ardire di comprarmi un PX 151 nuovo di pacca.

non so cosa consigliarti.

nel senso che il dubbio atroce è venuto pure a me.

ma se devo spendere i miei soldi, preferisco farlo su qualcosa che mi piace, che dura, di cui andare fiero quando vado in giro, su uno stile di guida che non è solo spostarsi, ma è guidare..

e questa ItaGlia come la chiami te (io preferisco chiamarla con la i minuscola..) è un paese dove compiere una scelta è diventato sempre più difficile, perchè qualcun'altro ti impone un comportamento, un limite, un divieto, invece di appellarsi alla libera scelta, magari ben normata..

e parlo della difficoltà di avere un figlio, una casa, un lavoro, finanche un cane che non sai dove portare perchè il giardinetto più vicino dove farlo cacare sta a 3 km..

e allora ti dico:

fai quello che ti fa stare bene, quello che ti piace.

e poi quando i problemi si presentano li affronti, altrimenti non si va da nessuna parte, oppure ci si va con lo scuterone, che è anche peggio..

per questo ho comprato il PX.

perchè IO l'ho scelto, e non credo che fra due anni fermeranno una vespa che di anni ne ha solo 2 solo perchè un imbolzito parlamentare di Bruxelles ha deciso che io inquino mentre tutti i Boeing 747 che partono dai vari aereoporti sputano fiori dai motori..

sono solo cazzate, e se ti pieghi alle cazzate la tua vita diventa peggiore..

scusate lo sfogo, ma vivere in questo paese è sempre più difficile..

un sentito augurio per una scelta fatta col cuore.

salut,

paolo

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, bisogna vedere in che modo faranno i controlli. Cioè , per farti la multa ti devono fermare no? O prendono la targa ? Anche se mi sembra difficile che prendano solo la targa....come fanno a capire se il 2 ruote è a 2t o 4t o che euro è? Es anche il Px.....quelli nuovi sono euro 1 o 2......e se li vedi sono uguali a quelli diciamo "vecchi"....... io me ne fregherei altamente, magari se possibile uno fa delle strade alternative meno trafficate......in fondo se ci fate caso i posti di blocco li mettono quasi sempre negli stessi punti.... poi la multa è di 70 Euro? Bisogna beccarne 50 per arrivare a 3500 euro....non so quanto convenga spendere tanto per uno nuovo di plastica. E che stanno col fucile spianato ogni 100 metri? Dai.......non ce la faranno mai a controllare tutti....

Link al commento
Condividi su altri siti

Io un px catalitico lo prenderei solo usato. Spendere 3000 euro per un 2 tempi mi fa un po' paura visto che è considerato l'untore.

Per quanto riguarda i frull io ne prenderei uno giap, anche usato.

Oppure continui a girare col vespone e metti in conto qualche multa. A Bologna i primi divieti di circolazione (nel centro) risalgono al 2000 ma fino ad ora l'abbiamo fatta franca...

Ciao

Link al commento
Condividi su altri siti

Basterebbe, una, soltanto una multa appioppata al tipo giusto. Uno che poi fa ricorso su ricorso fino alle Corte Costituzionale: non sono così convinto della reale legittimità di questi provvedimenti. Non sarebbe la prima volta che i legislatori locali si devono poi rimangiare i loro "illuminati" provvedimenti. Noi abbiamo acquistato (due anni fa così come 25 o 30 anni fa) un veicolo perfettamente in regola per le omologazioni del tempo, senza una data di scadenza. Gli standard "euro1,2,3 ecc ecc sono stati fatti per imporre dei parametri alle case costruttrici, non per stabilire la data di scadenza di un veicolo. L'iTALIA ├ê L'UNICO PAESE AD ADOTTARE QUESTO METODO DI ROTTAMAZIONE OBBLIGATA! Nel resto dei paesi civili se passi la revisione con gli standard per cui sei stato omologato sei in regola, anche con un veicolo di cinquant'anni fa, altrimenti sei fuori, anche con un veicolo di pochi anni. Ma si sa, in italia siamo speciali. Io continuerò ad andare in Vespa e utilizzerò qualsiasi imbroglio possibile per continuare a farlo. Di meccanica la mia Vespa è perfetta, ma posso scordarmi l'attestato di storicità perchè non è più del suo colore originale e ha qualche adesivo raccolto lungo migliaia di chilometri di viaggi! Quindi non posso cricolare perchè inquino... a meno che non tolga gli adesivi e la rivernici di bianco!!! Fantastico! Non trovate?!? Scaldiamo Photoshop e cominciamo a sfornarci da soli i nostri attestati di storicità... è una sporca guerra questa, da combattere con armi sporche!

AAA: cercasi P125X del '81, bianco, con frecce, senza adesivi, gibolli, portapacchi e/o parabrezza scopo fotografie con la mia targa per attestato storicità taroccato. Contattare via MP. Grazie.

Link al commento
Condividi su altri siti

Lorenzo205 sono d'accordo con te dalla prima all'ultima parola. Anche io ho scritto più volte che le norme EURO sono soltanto degli standard industriali e che solo l'ItaGlia li usa come una clava per imporre un CONSUMO FORZOSO ai cittadini. A suo tempo mi sono SFORZATO di credere che, almeno per le auto, il passaggio da non catalizzato a catalizzato potesse fare una qualche utile differenza dal punto di vista ambientale. Certamente non mi aspettavo però che il giochino continuasse all'infinito con il più catalizzato. Inoltre prendersela con le due ruote in città congestionate come le nostre è veramente una idiozia se ogni volta che mi imporranno di non usare la Vespa dovessi usere l'auto (euro 2) per compiere lo stesso percorso dubito che la qualità dell'aria ne trarrebbe giovamento ma sono certo che il traffico sarebbe peggiorato dalla presenza di un auto in più. Ho scritto una letteraccia alla Lega Ambiente, una organizzazione che stimavo, perchè premono sul sindaco per l'adozione delle targhe alterne (altra trovata) mi hanno risposto con un pamplet che vorrebbe dimostrare in maniera scientifica che il famigerato PM10 dipende tutto dai veicoli. Motocivismo pubblica un pamplet con uguale pretesa di scientificità in cui dimostra che dal traffico dipende solo una percentuale e dalle moto praticamente nulla. E allora? Allora la verità (vera) la si trova, come al solito, rispondendo alla domanda: "cui prodest"?

Il problema è che questi la multa la fanno.

Link al commento
Condividi su altri siti

Lorenzo205 sono d'accordo con te dalla prima all'ultima parola...

Sicuramente saprai già che ad esempio a Parigi, è stato abbattuto di quasi il 30% l'inquinamento da polveri sottili (PM10) con un sistema "rivoluzionario" anzi... fantascientifico: lavando le strade innaffiandole con le autobotti! Non so se ti è mai capitato di vedere i netturbini all'opera di notte a pulire le strade. Da me funziona così: davanti ai lati della strada due addetti a piedi con in spalla un "soffiatore" che cercano di mandare foglie e quant'altro verso il centro strada, tutta la rumenta insomma; poi passa un camion/aspiratore che raccatta quello che gli passa sotto le ruote... mentre un'immensa nube di polveri si innalza verso il cielo sospinta dai "soffiatori", magari proprio là dove c'è una bella centralina di rilevamento...

Ti dico una cosa: la lungimirante regione lombardia dove risiedo ha già in serbo un'altra pensata: visto che col PM10 piano piano e soprattutto con la rottamazione delle caldaie qualche risultato si otterrà, sono già pronti a passare all'attacco del PM0.25 (particelle talmente fini che entrano direttamente nel sangue con la sola respirazione). Quindi chi pensa di catalizzarsi a livello Euro7,8,9 o quanto volete per stare al sicuro si prepari che molto prima di quanto pensi dovrà portare allo sfascio il suo bel GT200...

Link al commento
Condividi su altri siti

Certo questi hanno pensato che la tutela dell'ambiente sia un affare per fisco, concessionari, fabbricanti ed assicurazioni mentre i comuni impediscono alle persone di andare al lavoro per costringerli ad acquistare veicoli nuovi sobbarcandosi le relative spese concedono ai palazzinari tutto quello che chiedono. Ogni spazio disponibile viene costruito, anche i pochi buchi superstiti in aree gia fittamente urbanizzate non vengono destinati a parchi, campi sportivi o parcheggi cioè quelle cose che mancano nelle nostre città ma vi sorgono i soliti palazzoni. Interi quartieri per decine di migliaia di abitanti sorgono dal nulla ma nessuno provvede a munirli di collegamenti su ROTAIA e meno ancora ad adeguare le strade e gli incroci poi si finge di stupirsi del traffico, degli incidenti e dell'inquinamento e vi si pone rimedio (si fa per dire!) non facendo le opere necessarie dove i danni sono stati fatti e cambiando sistema per l'avvenire ma con leggi e divieti che non fanno altro che sommare difficoltà alle difficoltà esistenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Roma putroppo sta diventando uno schifo di città....mi dispiace dirlo ma quello che stanno facendo è vergognoso, basta farsi il giro del GRA e vedere le ruspe e le nuove costruzioni che stanno sorgendo in modo selvaggio....palazzoni alti 11 piani obbrobriosi, nuovi quartieri (quartieri? per me diventeranno tutte borgate anonime che di bello non hanno nulla , solo i prezzi vergognasamente alti che hanno i cosiddetti nuovi appartamenti a "misura d'uomo" come li chiamano i palazzinari.) Un mio amico ha comprato un villino vicino Guidonia appena a Est di Roma e si è accorto che sono tutte senza fognature!

Invece di bloccare le moto a 2 tempi la smettessero di costruire in modo allucinante e a togliere il verde che c'è intorno a Roma per creare zone "dormitorio". Altro che polveri sottili e motorini.......stanno creando un mostro di città, che già è invivibile e peggiorerà sempre. Costruissero più parcheggi e allargassero le strade invece di creare "nuove" auto che si metteranno in fila per entrare e uscire dalla città.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ragazzi,il teorema valido per tutti (E DICO TUTTI) i Comuni

d'ItaGLia è:

Piu' appartamenti significa piu' I.C.I. ,piu' TASSA SULL' IMMONDIZIA

piu' I.R.PE.F.,piu' RETTE PER L'ASILO (per chi ha ancora il coraggio di

mettere al mondo un figlio),piu' AUMENTI DI LUCE,GAS,ACQUA,piu'

TASSE OPPURE AUMENTO DELLE GIA' COSTOSE ESISTENTI.

Di contro,e qui ci guadagna (anche) lo Stato,piu'aumento di traffico

e quindi,piu' TASSA DI POSSESSO,piu' REVISIONI (è gia' aumentata)

piu' AUMENTO DI BENZINA,PIU',PIU',PIU',SEMPRE DI PIU',per LORO.

E noi? Tutto bene,Madama la Marchesa....e ZITTI!

Scusate lo sfogo,un saluto dal Vesparolo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...