Vai al contenuto

Messaggi raccomandati

ciao ragazzi che ne dite di questa configurazione per la mia ET3? il mio intento è riuscire a sfruttare al massimo la marmitta che acquistai con i pezzi di cui dispongo: trattasi di Simonini tipo Zirri con polmone enorme e silenziatore in alluminio che esce di traverso sotto pedana destra (vedi foto allegata). so che è una vera espansione da gara quindi necessita di rapporti corti in quanto sposta la coppia molto in alto. Ecco la mia proposta:

- 130 Polini originale senza fare lavori al cilindro

- carter raccordati

- Albero Pinasco alleggerito in teflon per Vespa PK

- Volano HP

- 22/63 (oppure 24/61 con 4a DRT?)

- carb. 24 con pacco lamellare polini

- Marmitta Simonini (vedi foto).

ci sono due cose per cui ho bisogno di vostri consigli:

primo quali rapporti montare? la simonini ho già provato a montarla sul motore attuale con carb 19, 27/69, polinazzo, volano Pinasco per et3. Mi tirava a malapena la prima, le altre marce erano tutte molto lente a salire. Avevo le fasce un po' consumate, potrebbe essere dipeso da quello? oppure ha bisogno dei 22/63 per spingere?

secondo volendo montare l'aspirazione lamellare al carter mi spiegate che lavori devo fare? stavo pensando di fare come feci quando raccordai i carter al cilindro e cioè: con della vernice rossa tingere la base del collettore e, poggiandolo sui carter, questo lascerà il segno. asporto con una lima tutta la parte non colorata sino ad arrivare alla fine della valvola, dove gira l'albero. in parole povere non svasando il foro ma allargandolo completamente sino alla base. ditemi se è corretto...

simonini_per_vol_277.jpg.e09990762637be9

simonini_per_vol_277.jpg.08841789d31785b

simonini_per_vol_277.jpg

simonini_per_vol_277.jpg

simonini_per_vol_277.jpg

simonini_per_vol_277.jpg

simonini_per_vol_277.jpg

simonini_per_vol_277.jpg.12b91ad768528dae4bc6df122a73a95c.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

 

primo: ti consiglio i 22/63 se nn deve essere una vespa da viaggio.. ti diverti sicuramente di più.. entra subito in coppia.. insomma belle sensazioni..se devi farci dei lunghi tragitti i 24/61 con 4 drt vanno mene.. ma hanno un altro utilizzo.

secondo:comincia a lavorare l'aspirazione dall'esterno, raccordandola al collettore.. col tuo metodo va benissimo, dall'interno devi eliminare tutto lo scalino che era proprio la valvola eliminandola completamente e allargandola.. nn esagerare e mantieni almeno 5 mm di tenuta in tutte le direzioni se ti riesce cerca di farla ad imbuto dal collettore verso la camera di manovella, aumenta la pressione. ultimo consiglio se hai voglia comprati un foglio di fibra della polini da 0.35mm più spessa da tagliare e da montare al posto dell'originale lamella da 0.20mm mi pare.... migliori la resa nell'insieme..

scusa se nn sono stato chiaro in qualcosa.. sono a disposizione.

Link al commento
Condividi su altri siti

...allora...qua c'è un pò di confusione...

Ci sono due tipi di alimentazione per la vespa...lamellare e a valvola...

L'alimentazione a valvola è un sistema che sfrutta una spalla dell'albero che apre e chiude in base ad un anticipo particolare una valvola,che mette in collegamento camera di manovella con collettore-carburatore...e permette alla depressione creata dal cilindro di aspirare la miscela...

L'alimentazione lamellare non sfrutta più l'albero,e nemmeno una valvola ma sfrutta un pacco lamellare,e utilizza delle lamelle...

Queste,quando non si crea la depressione,restano aderenti al pacco,chiudendo il condotto collttore-carburatore dalla camera di manovella...Non appena il cilindro crea la depressione queste lamelle si aprono,aprendo di conseguenza il condotto e ,sempre tramite la depressione,portano la miscela nella camera di manovella...

Riassumendo...la vespa nasce con l'aspirazione a valvola,che ha caratteristiche (per cui anche pregi e difetti) diverse dal lamellare...E' sbagliato dire che il lamellare va di più di una valvola o il contrario...No...

Ogni aspirazione ha delle sue caratteristiche,e dei campi in cui funziona meglio e dei campi in cui funziona peggio...

Questo però solo se i lavori sono fatti a regola d'arte...

Per trasformare un'aspirazione a valvola in aspirazione lamellare di deve eliminare tutta la valvola all'interno dei carter,che costituirebbe un'intralcio,un'ostacolo al flusso di miscela che viene dal carburatore.Essa infatti non serve più,perchè l'aspirazione è controllata SOLAMENTE dal pacco lamellare...

Lasciare la valvola,o comunque lasciare 5 mm per parte,non serve a nulla,anzi,si peggiorano le cose...perchè appunto si lascia un'ostacolo per la miscela...

Domani faccio una foto alla mia aspirazione per il lamellare e si capisce di più... :wink:

Link al commento
Condividi su altri siti

Dice bene Sceva,

Se monti il collettore lamellar, come elaborazione, devi eliminare la valvola, altrimenti rende meglio un collettore normale raccordato.

Devi solo decidere, se vuoi mantenere la valvola, monta il 24 con un collettore non lamellare, se invece vuoi montare il 24 con il collettore lamellare ti consiglio vivamente di eliminare completamente la valvola.

Riassumendo: collettore normale con aspirazione a valvola va meglio di collettore lamellare con aspirazione a valvola.

Checco

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie ragazzi. dato che dovrò montare un albero pinasco alleggerito e anticipato per pk e la valvola è perfetta, avendo però anche a disposizione il pacco lamellare mai usato e volendo realizzare un motore che mi tiri bene la marmitta (coppia ai bassi) e che dovrò sfruttare all'isola d'Elba per il rally toscano (salite e discese), mi consigliate il lamellare o lasciare la valvola così com è o al limite limatina per raccordo con il collettore? poi parleremo dei rapporti...

Link al commento
Condividi su altri siti

io ti consiglio di farla bene perchè verrò all'elba anche io e sul bancoin garage sto facendo un motore tipo il tuo , ma sicuramente lamellare e travasi lavorati!! :D:D:D:D

apparte gli scherzi,secondo me con l'altro motore non ti andava per niente anche perchè avevi il carburatore piccolo.

e poi un'altra cosa: dicono tutti che le lamelle prima o poi si consumano e sembra quasi che non sia affidabile come metodo di aspirazione,giusto?

ma il 99.9 % dei motori recenti a 2tempi sono lamellari!!!! e con potenze anche mooolto superiori!

Link al commento
Condividi su altri siti

per checco: ho anche il collettore non lamellare nel regnocantina però vorrei il massimo per quella marmitta perchè mi piace il fracasso che fa e perchè secondo me è una bomba di scarico, o sbaglio? dici che non c'è differenza sostanziale di prestazioni (coppia) ai bassi regimi tra le due soluzioni?

per elphavi: benebene tu mi riconoscerai perchè avrò il bandierone dei quattro mori, come l'anno scorso del resto! tu c'eri? una figata di raduno... la tua vespa la riconoscero?

per tutti gli altri: allora pacco lamelare o valvola originale?

Link al commento
Condividi su altri siti

Il lamellare dovrebbe avre un'erogazione più morbida e più spalmata sull'arco dei regimi (proprio per la capacità delle lamelle di "autoregolarsi") a differerenza dell'aspirazione a valvola che ha una fasatura di aspirazione fissa...ma ovviamente poi entrano in gioco anche altri fattori.

Per Elphavi, sicuramente il tuo discorso non è sbagliato in linea di principio, però è un dato di fatto che i motori lamellari in generale siano soggetti a cali di rendimenti dovuti appunto all'usura delle lamelle, mentre il sistema a spalla dell'albero della vespa è praticamente...eterno! Poi le lamelle dei collettori Polini, con tutto il rispetto, non credo siano della massima qualità...

Per i rapporti consiglierei 27/69 con quartino DRT, se son ancora troppo lunghi monti il pignone 26 denti e sei a posto :wink:

Link al commento
Condividi su altri siti

eh sì carlo aspettavo la tua risposta. ma per avere più coppia ai bassi è meglio il lamellare o la valvola classica? premetto che dovrò raccordare meglio i travasi al carter perchè a suo tempo li avevo poco scavati in basso, inoltre vorrei dare una limatina ai travasi fronte scarico in alto per un mm, allargare lo scarico lateralmente di un mm per parte, arrotondare gli spigoli vivi anche del pistone oltre che quelli della canna e della base del cilindro. poi non monterò guarnizione al cilindro ma poca pasta rossa...tutto per aumentare il rapporto di compressione. raccorderò anche il cilindro al collettore marmitta e chiuderò con del nastro per marmitte la feritoia che si viene a creare tra collettore e scarico.

Link al commento
Condividi su altri siti

Beh se quello che ti interessa è la coppia e il tiro in basso allora meglio il lamellare. Se devo essere sincero a me il lamellare sulla Vespa non piace molto, sia per il discorso della durata delle lamelle, sia per la necessità di modificare irreversibilmente i carter, ma queste sono opinioni personali..

Condivido i lavori che vuoi fare, sempre nell'ottica di migliorare la coppia e le prestazioni in generale..a volte si tende a trascurare i dettagli, scordandosi che tanti dettagli, sommati, fanno la differenza 8)

Secondo me otterrai un bel motore anche se cmq con la Simo non ci si deve aspettare un tiro poderoso in basso...

Link al commento
Condividi su altri siti

mi sa che se le lamelle non sono poi così affidabili :( tengo la valvola la raccordo il foro al collettore :) .

allora ragazzi ora vi parlo dei rapporti:

inizialmente avevo intenzione di montare i 22/63 ma ho pensato che magari in viaggio non sono tanto indicati e voglio fare un motore non solo per bruciare i plasticoni al semaforo ma...sempre.

poi ho pensato alla 24/61 con quarta DRT e sarebbe già un buon compromesso

ieri mattina ho scoperto che la DRT fa anche il pignoncino da 26 denti :lol: da abbinare alla campana 69 denti (ovviamente dritti).

è qui che mi sono illuminato :idea::P . allora stamattina ho chiamato denis DRT per info portafoglistiche il quale mi ha detto disinteressatamente :roll: che mi ci vorrebbe anche la terza corta sempre di loro produzione.

allora stavo pensando a ciò per i rapporti: terza e quarta corta DRT con pignoncino 26 denti. In tutto spendo 200€ :cry: ma almeno quella bestia di marmitta la tiro un po' a tutti i regimi,no? poi coi lavoro al cilindro recupero anche un po' di coppia ai bassi! :twisted:

che mi dite, sto motore decollerà? :wink:

Link al commento
Condividi su altri siti

La scelta mi sembra ok, sia per l'alimentazione sia per la rapportatura.

La terza corta a mio parere non è indispensabile (anche perchè con un solo dente di differenza la rapportatura varia di poco, passando da 18/50 a 18/51), ma certamente è utile per ottenere la miglior spaziatura dei rapporti, soprattutto usando una marmitta "estrema" come la Simonini.

La 22/63 ce l'ho sul mio 132 Malossi (l'ho montata quando i pezzi DRT ancora non esistevano :roll: ) e può esser considerata un buon compromesso, ma non è certo la rapportatura ottimale, in quanto le prime due marce risultano un pò troppo corte e la quarta, pur avendo il vantaggio di esser facile da tirare, non sarebbe però ideale per un uso "turistico", diciamo che negli spostamenti di solito conviene mantenere i 70-75kmh visto che oltre il motore tende a girare un pò troppo.

La rapportatura da te scelta invece risulterebbe ottimizzata in tutti gli aspetti, consentendo di avere prima e seconda della giusta lunghezza ravvicinando allo stesso tempo terza e quarta.

Inoltre nel caso ti stancassi del rombo della Simonini, semplicemente montando una marmitta più tranquilla e un pignone da 27 o 28 denti sarebbe facile ottenere una configurazione più turistica :D

Certo il costo non è quello di una semplice 22/63, però.. 8)

Link al commento
Condividi su altri siti

:D è proprio così carlo, qualora mi stancassi della simonini basta aprire il carterino frizione e mettere in luogo del 26 denti il 27 originario per la campana da 69 denti.

senti carlo mi consigli un filtro bello grosso (spazio permettendo) in spugna, tipo malossi, oppure posso usare il polini in plastica nera (quello coi tappini bianchi) che già possiedo?

Link al commento
Condividi su altri siti

scusa se non centra con rapporti, carburazione e alimentazione ma volevo darti un consiglio x il volano. mi hanno detto che il volano hp è molto leggero ma raffredda gran poco perchè ha le alette troppo piccole, quindi sarebbe meglio alleggerire uno normale. è un consiglio banale, ma sempre un connsiglio. il filtro è meglio quello di carlo, perchè anche io ho quello che hai tu della polini, ma non avendo la spugna me lo sono trovato sporco di olio e altra roba

Link al commento
Condividi su altri siti

volevo darti un consiglio x il volano. mi hanno detto che il volano hp è molto leggero ma raffredda gran poco perchè ha le alette troppo piccole

allora, il volano HP è un volano piaggio, quindi studiato per dare una certa portata d'aria al cilindro della vespa 50HP, le alette mi sembrano sufficientemente grandi per dare il giusto raffreddamento al cilindro. E' vero che il cilindro hp è in alluminio quindi in teoria non treme il calore come uno in ghisa però stai tranquillo, è collaudato per dare il giusto apporto d'aria. forse ti confondi col volano pinasco, quello sì che ha le alette minuscole, infatti è studiato per le competizioni quindi tragitti relativamente brevi.

per il filtro prenderò quello consigliato da carlo, come giustamente dici tu, pacca, l'olio, che poi sono i residui dell'evaporazione di tutta la miscela che "ritorna" fuori, lo trovo spesso anche io. grazie comunque per il tuo intervento. ciao pierpaolo

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao gente.

Frugando in cantina, ricordavo di averli, ho trovato una campana 69 denti da abbinare al pignoncino da 26 che comprerò da Denis DRT.

Il fatto è che qualche tamarro, praticante negli anni 80, a suo tempo levò i parastrappi e saldò i denti alla campana. ora vi chiedo:

1) Esistendo in commercio dei rapporti senza parastrappi in teoria potrei montare la suddetta campana senza problemi. oppure quelli che si vendono hanno un sistema particolare per attutire gli strappi (magari un certo gioco nei punti di ribattitura)?

2) A livello pratico il fatto di non avere il parastrappi, oltre ad usurare maggiormente le ali della campana ed a rendere più brusco lo spunto, che cosa comporta?

3) Esiste forse un maggior rischio di schiavettare?

Ho fatto delle foto che vi posto subito. Ho notato che il pezzo è leggermente rovinato laddove battono le alette dei dischi frizione.

4) Inserendo un corpo frizione coi dischi nuovi quanto deve essere il gioco usuale tra le alette dei dischi e le ali della campana?

Gentilmente rispondete.

Carlo75, i numerini sono per te!

69denti_1_865.jpg.4e5beab1dea0d941ba558f

69denti_2_358.jpg.6455f5a6cad4db10efd8cb

69denti_3_156.jpg.b272631bab71c03ceeb81e

69denti_4_173.jpg.793f36bb24a9b78a5600b4

69denti_1_865.jpg.aee3b586b1363d6fb11d40

69denti_2_358.jpg.23f898cb4a7ff9b92bd060

69denti_3_156.jpg.305db5cf564fbe08ee0eec

69denti_4_173.jpg.034759d61cd5ad8995fbbc

69denti_1_865.jpg

69denti_2_358.jpg

69denti_3_156.jpg

69denti_4_173.jpg

69denti_4_173.jpg

69denti_3_156.jpg

69denti_2_358.jpg

69denti_1_865.jpg

69denti_4_173.jpg

69denti_3_156.jpg

69denti_2_358.jpg

69denti_1_865.jpg

69denti_4_173.jpg

69denti_3_156.jpg

69denti_2_358.jpg

69denti_1_865.jpg

69denti_4_173.jpg

69denti_3_156.jpg

69denti_2_358.jpg

69denti_1_865.jpg

69denti_4_173.jpg.7ec1a374b01bdfaf38ce59a1cdaeac45.jpg

69denti_3_156.jpg.80e5666c9ce7a95b3809354abea6a7dd.jpg

69denti_2_358.jpg.4b97b7517b111f971a3005ed1738f7dd.jpg

69denti_1_865.jpg.903745d63f7da8a7c6385eaa4a520f76.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...